Chimera Lighting Italia



Prodotti
Approfondimenti
Senza artifici: illuminazione per location e per atmosfera con Colin Anderson
Allen Birnbach, fotografo pubblicitario e d'arte
Triolet, la luce ideale per tutti i modellatori di luce Chimera
Le ragazze rétro. Rick Souders si racconta
Il mondo di Adrien Broom, tra realtà e immaginazione
Chimera e i grandi fotografi: gli elefanti di Steve Grubman
Chimera Bank Video Pro: gli specialisti della luce continua
Bank Super Pro per luci flash
Lanterne Chimera: luce ambiente naturale e morbida per foto e video
Continua...
Archivio newsletter
vai all'archivio...

Approfondimenti

Senza artifici: illuminazione per location e per atmosfera con Colin Anderson

COLIN ANDERSON PORTA IN UNA PALESTRA IL BANK LUMINOSO CHIMERA OCTAPLUS 5 ESTENSIBILE PER UN ULTIMO SCATTO
  




Oltre ad un chiaro senso della progettazione illuminotecnica e della composizione, il fotografo Colin Anderson, diventato recentemente un fedele utente Chimera, è noto principalmente per il suo lavoro composito che ha dato vita a una raccolta di opere estremamente fantastica e futuristica. La sua abilità nell’utilizzo del computer e il suo sguardo attraverso la macchina fotografica lo hanno reso un professionista ricercato da clienti del calibro di Samsung, Aeronautica degli Stati Uniti, Dell, Discovery Channel, Fuji, Harper Collins, Penguin Books, Random House e molti altri. Ma a volte si dedica anche a cose più semplici.

Un recente progetto sviluppato in una palestra di boxe ha dato a questo fotografo australiano la possibilità di tornare ai fondamentali della professione, in quanto prevedeva l’impiego di un unico diffusore Chimera OctaPlus 5 estendibile; da allora ha completato diversi ritratti di grande effetto utilizzando questo sistema come principale abbinandolo allo stripbank Chimera Super Pro come riempimento.

Trattandosi di una location privilegiata destinata a essere chiusa a breve, Anderson ha deciso di lavorare, per così dire, "al naturale", perché ha voluto cogliere le condizioni di illuminazione dello sfondo e nel contempo illuminare bene il primo piano senza sacrificare il carattere e il fascino dell'ambiente della vecchia e usurata palestra così com’era.

"In quel posto abbiamo scattato foto in precedenza, probabilmente dieci anni o più fa. Un ambiente così ricreato in studio non potrà mai darti la stessa sensazione", ammette Anderson, spiegando che gli piaceva anche l'idea di utilizzare pugili più giovani e moderni per metterli in contrasto con una palestra classica, da duri vecchio stampo, specialmente perché la palestra si trova a Richmond, una zona di Melbourne molto vecchia, ma di recente diventata estremamente di tendenza. "Anni e anni di usura hanno dato una caratterizzazione a questo edificio, un luogo che ha una storia da raccontare e che con i giovani pugili dà una sensazione diversa da quello di un set in studio. Mi piace l’atmosfera semplice e grezza."

"Quando ho sentito che stava per essere smantellata e sostituita con una nuova modernissima palestra, ho pensato: "devo fotografarla prima che vada persa per sempre." Così Anderson ha deciso di lavorare alla vecchia maniera e dice che è stato bello vedere la reazione dei giovani modelli, reclutati tra gli atleti del posto, entusiasti di essere in una palestra così ricca di storia del pugilato. "Un mio amico è appartiene a una famiglia di pugili molto nota", continua. "Questa palestra e l'uomo che sta dietro, Leo Berry, sono stati un mito nel mondo del pugilato a Melbourne. Quando ho sentito che stava per essere smantellata e sostituita con una nuova modernissima palestra, ho pensato: "devo fotografarla prima che vada persa per sempre". Quando abbiamo finito il lavoro e imballato tutta l’attrezzatura nella mia auto, i lavoratori hanno chiuso simbolicamente l'ultimo pezzo di recinzione dietro di noi. Penso che la nuova palestra sarà allestita in ottobre. " 

Più spesso l'elaborata fotografia concettuale di Anderson comporta l’utilizzo di molteplici elementi di sfondo e di primo piano che fotografa o compone in vari programmi di modellazione e imaging 3D. Per i suoi soggetti principali, fotografa i modelli nel suo studio per poi elaborare molto gradualmente l'immagine. Inoltre raccoglie elementi compositi provenienti da varie location, anche all’aperto mentre sta lavorando ad altri progetti, dopo averli uniti in un'immagine finale con l’aiuto di vari software come Photoshop, Capture One, Maxon's Cinema 4D e altri.
Il progetto sulla storia di Sadoko Sasaki e le 1.000 gru per i parchi statali hawaiani, per esempio, ha richiesto che Anderson costruisse una sequenza elaborata con diverse centinaia di elementi, tra cui 500 gru di carta fatte a mano da lui e dalla sua squadra. Questo non è meno impegnativo delle ore che trascorre davanti a un computer, quindi per lui è importante padroneggiare l’illuminazione. Avendo usato Chimera per la prima volta per il progetto Sadoko Sasaki, dice di essersi adattato naturalmente al sistema Chimera grazie alla facilità di utilizzo e alla versatilità, tanto che il softbox espandibile Chimera OctaPlus 5 è diventato il suo pannello di illuminazione preferito.   


Anderson ricorda che, al momento di affrontare la progettazione dell'illuminazione, la palestra era molto scura, quindi non era sicuro di come avrebbe organizzato l’illuminazione. Ammette che è stato difficile gestire la situazione, tra luce solare diretta, luce di riempimento ambientale e flash, ma il Chimera Chimera OctaPlus 5, abbinato ai Power Pack di Broncolor Scoro e alla sua fidata Canon 5DS R, un mostro da 50,6 megapixel, gli ha dato tutta la gamma dinamica che gli serviva per uno scatto con tanta contrasto tra alte luci e ombre. Si era portato anche il kit di espansione Chimera OctaPlus 7 per il Chimera OctaPlus 5, ma alla fine non ha nemmeno avuto bisogno di toglierlo dalla custodia.

"La Canon 5DSR è la mia fotocamera di riferimento in questo momento. È molto sicura, robusta, affidabile e mi piace la dimensione extra dei file ", spiega Anderson. "Anche lo zoom 24-70mm fa parte della mia abituale attrezzatura. È un obiettivo molto nitido e rappresenta un’ottima soluzione per un uso generale. Con questo scatto, la lunghezza focale variava da 47 a 65 mm, a f/7, offrendomi un buon equilibrio tra l’evidenziare il modello e la creazione di un ritratto ambientato." Colin dice che è stato abbastanza semplice creare la configurazione.


 "Ho usato un pacchetto Broncolor Scoro S 3200 con una testa sul Chimera OctaPlus 5. La luce è stata collocata abbastanza alta, a lato a circa 1 metro e 20 cm dal modello principale, e angolato verso il basso per sottolineare il suo corpo. Trovo che il Chimera OctaPlus 5 sia un grande strumento di lavoro per questo tipo di ritratti, la luce che dà è sempre molto bella. Il vantaggio in più di questa unità è che in caso di bisogno può essere facilmente adattata a sette piedi, semplicemente collegando il pacchetto di espansione, senza necessità di portare attrezzatura in più".


Il team di lavoro ha portato una macchina del fumo per aggiungere atmosfera e per esaltare i raggi solari naturali che attraversavano le finestre panoramiche vecchio stile sul retro della palestra. Per mantenere il soggetto principale ben nitido e a fuoco, hanno messo il modello "eroe" abbastanza distante in modo che rimanesse davanti alla foschia sullo sfondo. Gli assistenti di Anderson facevano uscire lunghi soffi di fumo dalla macchina prima di farlo girare con grandi tavole. La foschia cominciava a spostarsi davanti all'attore-pugile, ma le stesse tavole di rimbalzo sono servite per diradarla.



"Siamo riusciti a ottenere un bell'effetto", afferma, prima di iniziare a lavorare con il flash, aumentando l’output fino a essere soddisfatto delle condizioni di illuminazione. "Fortunatamente abbiamo avuto una giornata luminosa e soleggiata, senza nuvole, quindi la luce è rimasta costante. Dall’installazione del set fino al primo scatto di prova sono passati solo circa 20 minuti. In queste situazioni, mi piace anche scattare con collegamento diretto al pc perché ho subito sott’occhio come sta andando il lavoro. Avendo un facile accesso all’elettricità, ho usato il Broncolor Scoro, che è sempre il mio preferito. Avevo portato con me anche un gruppo di batterie Elinchrom Quadra Ranger nel caso in cui ci fossero stati problemi di alimentazione, che per fortuna non ci sono stati ".

Avendo già fatto riprese in precedenza nello stesso posto, Anderson sapeva che il sole sarebbe stato a picco, cosa che lui indica come fondamentale non solo per la retroilluminazione, ma anche per esaltare l'atmosfera della palestra e il fumo prodotto dalla macchina del fumo. Per la misurazione, il primo passo è stato quello di stabilire un livello di esposizione ambientale per lo sfondo. Tenendo conto della luce che entrava dalle finestre, ha scelto un ISO 400 con 1/125. Ci ha spiegato che queste impostazioni gli davano una certa caduta nella profondità di campo, sfumando così le finestre in modo da non evidenziare nessun elemento esterno.

Che cosa pensa Colin della sua esperienza con l’attrezzatura Chimera rispetto ad altri sistemi usati finora? "Beh, divertente, tra l’altro ho riposto tutte le altre luci che avevo e sto usando quasi solo luci Chimera! In studio ho praticamente tutto ciò che mi serve nel Chimera OctaPlus 5 con il kit estensibile Chimera OctaPlus 7, l’Octa beauty dish pieghevole e due strip light Chimera."


Puoi vedere altri lavori di Colin Anderson sul suo sito web http://www.andersonproductions.com.au o su Instagram (@colinanderson1)